Campionati Italiani Karate 2017

43° TITOLO ITALIANO PER IL BU DO KAN

 

Ai Campionati Italiani Assoluti di karate tradizionale svoltisi 10 e l'11 giugno a Casale Monferrato gli atleti del BU DO KAN del M° Gazich hanno conquistato il loro 43° titolo Italiano oltre a tre medaglie di bronzo.

 

La CAMPIONESSA ITALIANA é SILVIA BONACORSI , a sul gradino più alto del podio nel kumite categoria speranze (17-18 anni) +55 kg.

 

Un titolo più che meritato quello di Silvia, frutto di tanto impegno, determinazione, grinta e talento, caratteristiche queste che ha dimostrato sin dai suoi esordi in gare di campionato federale .

Gia Campionessa Italiana nel 2015 nella categoria CADETTI, conferma con questo nuovo di essere un'atleta di spessore che farà ancora parlare di sé in futuro. Fa parte del gruppo degli “azzurrabili” della F.I.K.T.A., “vivaio” di giovani atleti di interesse nazionale.

 

L'altro podio, la medaglia di bronzo, é arrivato nel kumite seniores – 75 kg.( Fascia C - 1° Dan) dal PAOLO LANDONI che ha bissato il podio delle difficili Selezioni Regionali Lombarde di categoria conquistando un'altra importante medaglia per i BU DO KAN.

 

L'altro successo a questi assoluti é quello delle due squadre: il kata femminile delle ragazze e il kumite maschile di serie A dei ragazzi.

Due medaglie davvero “pesanti” per il loro significato.

 

CONTINUA L'ARTICOLO...

La squadre di kata femminile é stata creata quest'anno con un elemento già esperto SILVIA BONACORSI, e da due giovanissime esordienti in gare di Campionato Assoluto Federale: le quindicenni SCOTTI AURORA e FERRARIO SOFIA, cinture marroni. La squadra si é trovata a competere con atlete molto più esperte e con squadre già consolidate e si sono imposte senza timori e con sicurezza: medaglia d'argento alle selezioni regionali lombarde, si sono fatte spazio anche in campo nazionale con un terzo posto meritatissimo che ha dato loro una carica incredibile per continuare a lavorare e migliorare per l'anno prossimo.

 

La squadra di kumite maschile ha conquistato il terzo posto nella serie A, un podio entusiasmante, emozionante e prestigioso al tempo stesso, in quanto é un po' la sintesi del lavoro di una società: essere sul podio del kumite a squadre di serie A significa essere tra le società più forti e a livello nazionale e il BU DO KAN non ha mai ceduto di un passo nonostante le difficoltà che spesso si presentano nella formazione di una squadra, tra infortuni degli atleti, problemi lavorativi e famigliari e così via.

Ecco i nomi della squadra medaglia di bronzo:

- BOUGDAOUA KAMAL, il veterano che con la sua inconfondibile classe da vero campione ha trascinato la squadra alla vittoria vincendo in modo netto tutti gli incontri, entusiasmando tutti per uno spettacolare IPPON ( vittoria netta che equivale ad un KO dell'avversario);

- LONER RICCARDO, una sicurezza e un punto di riferimento da sempre ;

- DI NATALE ROBEERTO, presente sul campo dopo una lunga assenza dagli allenamenti per problemi famigliari e determinante per la vittoria della squadra nei momenti difficili;

- LANDONI PAOLO, che dopo il successo nella gara individuale ha dimostrato il suo valore anche nella gara a squadre;

- DARIO GUIDA, il più giovane tra i titolari che ha avuto un comportamento di tutto rispetto in campo, confrontandosi senza timore contro avversari molto più grandi es esperti di lui e dimostrando grande coraggio.

- LANI KEVIN, inserito nella squadra come riserva nonostante la sua giovane età, appena diciassette anni – é sceso in campo , disponibile in caso di necessità a supportare i suoi compagni per raggiungere i punti necessari alla vittoria.

 

Meritano una menzione anche tutti gli atleti che hanno partecipato alle SELEZIONI REGIONALI DEGLI ASSOLUTI IN LOMBARDIA:

MANZONI MARCO, MEDAGLIA D'ORO nel kumite individuale CADETTI ed é quindi Campione Regionale di categoria e CRESPI CRISTIAN, 3° classificato nel kumite nella stessa categoria.

La squadra di kata maschile - MANZONI MARCO – GALLAZZI LUCA E – LANI KEVIN - formata con elementi tutti nuovi, si é imposta alle selezioni regionali con un meritatissimo secondo posto.