Campionati Europei 2016

CAMPIONATI EUROPEI E.T.K.F.

 KRANJSKA GORA – SLOVENIA –

 23 NOVEMBRE 2016

 

ALESSANDRA LAZZARIN

 

MEDAGLIA D’ORO - KATA A SQUADRE

 

MEDAGLIA D’ORO - COGO KUMITE

4° CLASSIFICATA - KATA INDIVIDUALE

 

 

 

CAMPIONATI EUROPEI KARATE: DUE ORI PER

 

ALESSANDRA LAZZARIN DEL BU DO KAN

 

 

 

Si sono appena svolti in Slovenia, a Kranjska Gora , i Campionati Europei  di karate tradizionale sotto l’egida dell’E.T.K.F.

 

L’atleta del BU DO KAN   ALESSANDRA LAZZARIN,  allieva del M° Giorgio Gazich,  è salita per ben due volte sul gradino più alto del podio  portando alla città  Busto Arsizio ben due titoli europei.

 

Alessandra è titolare della  compagine  nazionale  di kata a squadre assieme a Carlotta Prete di Milano e Martina Tommasi del Veneto: una squadra già salita sul podio mondiale nel 2015 , che ha dimostrato anche in questa occasione la sua classe e il suo valore.   Le ragazze hanno condotto una gara impeccabile dall’inizio alla fine, sbaragliando tutte le avversarie e conquistando il titolo europeo di kata a squadre  con largo vantaggio davanti alla Serbia e alla Germania.

 

Nel kata individuale, dopo aver superato le eliminatorie con delle ottime prove, si è conquistata  l’accesso alla finale presentandosi al 2° posto in classifica provvisoria  a pochi decimi dalla 1° , Carlotta Prete.

 

In finale ha eseguito un’ottima e brillante prova sotto l’aspetto tecnico- atletico:  purtroppo è incappata in una banale penalità dovuta alla sua giovane età e all’inesperienza, che l’ha fatta slittare   dal 2°  al 4° posto. Un po’ di delusione per Alessandra che avrebbe meritato di salire sul podio:  anche questa è un’esperienza che le potrà servire in maniera positiva   in  futuro.

 

Nel kumite individuale – specialità kogo kumite - ha invece brillato conquistando uno splendido oro battendo prima la connazionale Bocci Martina in semifinale e  in finale  la fortissima atleta tedesca.   Alessandra si sta dimostrando un’atleta estremamente versatile, capace di esprimersi al meglio in specialità così diverse come il kata ( forma)  e il kumite ( combattimento).

 

Ha detto il Maestro Gazich:  “ Alessandra è stata molto brava   nel salire per ben due volte sul gradino più alto del podio in questi Europei.

 

E’ ancora molto giovane, ha solo 23 anni, ed ha una lunga strada davanti a sé.

 

L’impegno richiesto ad un’agonista è davvero enorme e basta un nonnulla per compromettere una prova , soprattutto a questi livelli.

 

 Poi un ruolo importante lo gioca anche l’esperienza, che Alessandra sta gradualmente acquistando, essendo alla sua 2° prova di livello internazionale ( Mondiali 2015 ed Europei 2016).

 

Come tecnico sono    soddisfatto  di questo risultato  e mi fa molto piacere per Alessandra,   perché   la gratifica per i sacrifici e il  duro lavoro  svolto in precedenza  ed è uno stimolo  per lei per raggiungere  ulteriori traguardi.”